CIRCOLARE N.81 ”COMUNICAZIONE DEI DATI DELLE LIQUIDAZIONI PERIODICHE IVA – CHIARIMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE”

1 Premessa

L’art. 4 co. 1 e 2 del DL 22.10.2016 n. 193 (conv. L. 1.12.2016 n. 225), con riguardo ai soggetti passivi IVA e a partire dal 2017:

  • ha innovato il previgente obbligo di trasmissione dei dati delle operazioni rilevanti ai fini IVA (c.d. “spesometro”), stabilendo nuove regole per la trasmissione telematica dei dati delle fatture emesse, delle fatture ricevute, delle note di variazione e delle bollette doganali (nuova versione dell’art. 21 del DL 31.5.2010 n. 78, conv. L. 30.7.2010 n. 122);
  • ha introdotto l’obbligo di presentare la comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche IVA (nuovo art. 21-bis del DL 31.5.2010 n. 78, conv. L. 30.7.2010 n. 122).

Il provv. Agenzia delle Entrate 27.3.2017 n. 58793 ha approvato, fra l’altro:

  • il modello per effettuare la comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche IVA;
  • le istruzioni per la sua compilazione;
  • le specifiche tecniche per la relativa trasmissione telematica (aggiornate in data 12.5.2017 al fine di correggere alcuni refusi, come specificato nel documento “Variazioni alle specifiche tecniche fatture e corrispettivi”).

Chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate, in data 26.5.2017, ha pubblicato sul proprio sito www.agenziaentrate.gov.it (sezione “Cosa devi fare” > “Comunicazioni” > “Liquidazioni periodiche Iva” > “Faq”), le risposte ad alcune domande frequenti (FAQ) riguardanti la comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche IVA.

2 DECORRENZA

La comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche IVA (d’ora in avanti “Comunicazione”), introdotta a partire dall’1.1.2017, deve essere trasmessa:

  • su base trimestrale;
  • entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre solare, ad eccezione della Comuni­cazione relativa al secondo trimestre per la quale la scadenza è fissata al 16.9 di ciascun anno.

Proroga al 12.6.2017 dell’invio relativo al primo trimestre 2017

A fine di agevolare l’effettuazione del nuovo adempimento, con il DPCM 22.5.2017 (pubblicato sulla G.U. 30.5.2017 n. 124) il termine di invio della prima Comunicazione, con riferimento al primo trimestre 2017, è stato prorogato dal 31.5.2017 al 12.6.2017.

3 SOGGETTI OBBLIGATI alla comunicazione

L’art. 21-bis co. 1 e 3 del DL 78/2010 individua i soggetti obbligati e quelli esonerati dalla presentazione della Comunicazione.

I soggetti obbligati sono tenuti all’adempimento anche in presenza di liquidazione IVA con eccedenza a credito.

3.1 SOGGETTI OBBLIGATI

Sono obbligati alla presentazione della Comunicazione, ai sensi dell’art. 21-bis co. 1 del DL 78/2010, i soggetti passivi IVA, ossia:

  • gli esercenti attività d’impresa (art. 4 del DPR 633/72);
  • gli esercenti arti e professioni (art. 5 del DPR 633/72).

A titolo esemplificativo sono tenuti al nuovo obbligo, qualora non sussista uno dei casi di esonero descritti successivamente:

  • le società di persone, le società di capitali e gli enti stabiliti in Italia;
  • gli imprenditori individuali residenti in Italia;
  • gli artisti e professionisti residenti in Italia;
  • le stabili organizzazioni in Italia di società estere;
  • i soggetti esteri che svolgono attività in Italia mediante un rappresentante fiscale nominato ai sensi dell’art. 17 co. 3 del DPR 633/72;
  • i soggetti esteri che svolgono attività in Italia mediante la propria identificazione diretta ai sensi dell’art. 35-ter del DPR 633/72.

Continua a leggere »